Vaso scoperto da Petrie rispunta in un garage

egyptian pot

Source: theguardian.com

E’ proprio il caso che vada a dare un’occhiata nella soffitta dei nonni! Una coppia di High Wycombe (località poco a nord di Londra) si è ritrovata tra le mani un reperto egizio pulendo il garage… e non è la prima volta che succede. Infatti, Guy Funnel ha trovato tra le cianfrusaglie del padre un antico vaso accompagnato da un cartellino altrettanto interessante che fa il nome di Flinders Petrie. L’uomo, che aveva da poco visto in TV un documentario sull’archeologo britannico, ha riconosciuto l’oggetto e ha subito contattato via mail Alice Stevenson, curatrice del Petrie Museum. Da qui, la Stevenson ha cominciato l’indagine per ricostruire a ritroso il percorso del piccolo contenitore ceramico. I coniugi Funnel pensano possa trattarsi di una sorta di pagamento per una serie di corse con il taxi dell’ormai defunto Charles. Un altro indizio, invece, si può ricavare dal testo del cartellino:

«CERAMICA LIBICA, scoperta (1894-5) dal Professor W. M. FLINDERS PETRIE tra Ballas e Naqada, circa tre miglia a nord di Tebe sulla riva ovest del Nilo. La ceramica è modellata a mano, senza il sussidio del tornio, e la sua datazione stimata è del 3000 a.C. circa».

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Source: blogs.ucl.ac.uk/museums/files/2014/03/libyan-pot-1a.jpg

L’accuratezza delle informazioni è tipica di colui che ha introdotto la metodologia nell’egittologia classificando migliaia di contenitori ceramici per creare la cronologia relativa delle tombe scavate. Petrie aveva trovato numerosi vasi di questo tipo nella necropoli di Naqada (governatorato di Qena) e, osservandoli diversi dagli altri, li aveva interpretati come il segno di un’invasione straniera dal deserto libico. Ora sappiamo che si sbagliava perché questa tipologia, la “Bocca nera” o “B-ware”, è pienamente autoctona e risale al Predinastico, circa 5600 anni fa. Ma ciò che più c’importa è il numero 1754 scritto a matita, il codice identificativo della tomba da cui proverrebbe il reperto. Negli archivi del Petrie Museum, sono annotati anche gli altri oggetti del corredo e tra questi si sa solo che un frammento di cristallo di rocca e due conchiglie forate sono nello stesso museo, mentre una ciotola “Red polished” o “P-ware” è conservata presso l’Ashmolean Museum di Oxford. In particolare, quest’ultima fu acquisita negli anni ’50 dalla collezione di Joseph Grafton Milne, vice-curatore della sezione numismatica del museo. Milne era stato ospite di Petrie in Egitto nel 1895-6 e lì potrebbe aver ricevuto in dono i due vasi, di cui uno sarebbe stato usato da lui stesso o da un familiare per pagare il taxi.

La storia è contorta e, secondo me, non è poi così fondamentale sapere come il vaso sia finito in quel garage. L’importante è che sia stato riscoperto e che potrà essere esposto al pubblico a partire dal “Festival of Pots”  del 7 giugno.

http://blogs.ucl.ac.uk/museums/2014/03/11/a-piece-of-a-giant-jigsaw-a-newly-re-discovered-pot-from-naqada/

Advertisements
Categorie: mostre/musei | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: