Diagnosticata appendicite a mummia di bambina

mummy12n-4-web

Source: nydailynews.com

Ancora una volta, le moderne tecnologie mediche cambiano la diagnosi su una mummia. I raggi X, più di 40 anni fa, avevano fatto parlare di tubercolosi per il corpo imbalsamato di una bambina scoperto da Petrie a Illahun nel 1888 e conservato presso il Bolton Museum. Nei giorni scorsi, invece, al St. Mary’s Medical Center di Palm Beach, una squadra di 20 dottori ha attribuito la causa della morte a un’appendicite. Il dott. Kelman, capo radiologo dell’ospedale, ha affermato che la TAC avrebbe mostrato una calcificazione di 4,87 cm di diametro all’appendice, mentre le vertebre lombari mancanti, che erano considerate la prova della TBC, sono state ritrovate all’interno della cassa toracica, evidentemente spostate durante il processo di mummificazione. E’ stata corretta anche l’età della bambina che da 4-9 anni passa a 30-42 mesi.

La mummia, risalente al 30 a.C. – 300 d.C., si trova in Florida perché prestata dal museo britannico, insieme ad altri 200 reperti, al South Florida Science Center and Aquarium per l’esposizione temporanea “Afterlife: Tombs and Treasures of Ancient Egypt”. Sembra, quindi, che lo studio sia stato commissionato come trovata pubblicitaria camuffata.

Advertisements
Categorie: antropologia/paleopatologia | Tag: , , , , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: