Inasprite le pene per il traffico illegale di antichità

80362.adapt.885.1

Source: Getty Images

Lo scorso mercoledì, il Gabinetto presieduto dal Primo ministro Sherif Ismail ha approvato un emendamento alla Legge n°117 del 1983 sulla tutela delle antichità egiziane. Il provvedimento, che deve essere ancora discusso in Parlamento, inasprirebbe le sanzioni per chi fosse sorpreso a effettuare scavi abusivi, possedere reperti archeologici o venderli nel mercato nero. La pena massima salirebbe così dagli attuali 7 anni di carcere all’ergastolo. Il provvedimento è pensato per contrastare la gravissima situazione che ha colpito il patrimonio storico dell’Egitto dalla rivoluzione del 2011. Inoltre, sono state introdotte anche pesanti multe – dalle 3000 alle 10.000 lire egiziane (150-500 €) – per i turisti stranieri colpevoli di atti di vandalismo o danneggiamento involontario nei siti archeologici.

Annunci
Categorie: traffico di antichità | Tag: , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: