Restaurate 7 mummie dall’Oasi di Dakhla

28685831_1706043899441253_4609876995382181888_n

Source: MoA

(Attenzione: le immagini presenti nell’articolo potrebbero impressionare le persone più sensibili)

Gli esperti dell’Egypt’s Mummies Conservation Project hanno recentemente restaurato 7 mummie dalla necropoli di El-Muzawaka. Il cimitero, risalente al periodo greco-romano, si trova nell’Oasi di Dakhla ed è composto da una serie di tombe, la più famosa delle quali è quella di Petosiris, spesso in pessimo stato. In particolare, i corpi imbalsamati sono stati abbandonati per decenni tra sabbia e spazzatura, senza alcuna protezione dai turisti (immagine in basso). Per questo è stato necessario procedere a un’intervento di restauro che conclude la prima fase del progetto di conservazione delle mummie stipate nei vari magazzini del Ministero delle Antichità. In precedenza, erano stati trattati ‘pazienti’ da Kom Aushim nel Fayyum, dal Museo Nazionale di Alessandria e dal deposito di Mustafa Kamel sempre nella stessa città.

123312_muza1

Source: journey-to-world.blogspot.it

Gharib Sonbol, capo del progetto, ha fatto notare la particolarità di tre mummie: due presentano la bocca aperta (in basso a destra), mentre una ha le mani legate con una corda (in basso a sinistra). Queste caratteristiche, non ascrivibili al normale processo di imbalsamazione, fanno pensare a un’esecrazione, cioè a una maledizione ricevuta in vita per un qualche tipo di reato o peccato. La stessa cosa è riscontrabile nella cosiddetta “Mummia urlante”, probabilmente il corpo di uno dei sospettati dell’omicidio di Ramesse III.

Categorie: mummie, restauro | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: