Archivi del mese: ottobre 2018

Come si spostavano pesanti blocchi di alabastro durante il regno di Cheope

Hatnoub Quarries discovery by Luxor Times 05

Source: Luxor Times

Ormai sembra che tutte le ultime notizie riguardanti la movimentazione di pesanti blocchi di pietra nell’antico Egitto parlino di Cheope, il faraone che non a caso deve la sua fama alla costruzione più titanica di tutte. Dopo i papiri di Wadi el-Jarf che descrivono il trasporto del calcare di Tura verso il cantiere della Grande Piramide di Giza, ora sappiamo come si spostava l’alabastro nelle cave di Hatnub, 18 km a SE di Amarna. Il sito è studiato dal 2012 dalla missione epigrafica che, sotto la direzione congiunta di Yannis Gourdon (IFAO) e Roland Enmarch (University of Liverpool), ha registrato e documentato oltre 100 iscrizioni che commemorano spedizioni faraoniche dall’Antico al Nuovo Regno. Tuttavia, durante l’ultima stagione, è stato individuato il metodo che, 4500 anni fa, è stato escogitato per trascinare i pezzi di alabastro egiziano (calcite) dal fondo della cava: su una grande rampa centrale larga 3 metri e dalla pendenza del 20% (vedi foto) si facevano scivolare blocchi di oltre una tonnellata, mentre le due scalinate ai lati servivano per l’alloggiamento di pali – di cui rimangono solo i fori – a cui si ancoravano le slitte tramite corde. Per il momento, la rampa è stata scavata per una lunghezza di 30 metri, ma potrebbe raggiungere i 100.

Annunci
Categorie: scoperte | Tag: , , , | Lascia un commento

Scoperto il volto del colosso di Psammetico I

44370423_1822656801166571_5322097416189509632_n

Source:  Mahmoud Tharwat

Ricorderete sicuramente il colosso di Psammetico I (664-610 a.C.) scoperto nel marzo del 2017 a Eliopoli (area di Souq el-Khamis, nell’odierno sobborgo del Cairo di el-Matariya) dalla egiziano-tedesca diretta da Aiman Ashmawy e Dietrich Raue. La statua in quarzite, in origine alta 8 metri, pezzo dopo pezzo sta prendendo forma e ora comincia ad avere anche un volto. Durante l’ultima campagna di scavo, infatti, è stato ritrovato un bellissimo frammento (immagine in alto) con l’occhio sinistro e parte del naso del faraone della XXVI dinastia, di cui si aveva già corona, mento, bocca, orecchio destro e una piccola porzione dell’occhio destro.

Categorie: scoperte | Tag: , , , , | Lascia un commento

Kom Ombo, scoperta stele di Amenofi I con le regine Tetisheri e Ahmose-Nefertari

43636849_2076960195669122_3780555901862150144_n

Source: MoA

Continuano a venir fuori stele dallo scavo d’emergenza di Kom Ombo. Solo una decina di giorni fa, infatti, nel cantiere dei lavori di abbassamento della falda freatica erano stati ritrovati due reperti iscritti in arenaria risalenti ai regni di Tolomeo V e Seti I.  Questa volta, invece, si va ancora più in là con il tempo, fino all’inizio del Nuovo Regno. La stele in questione, di cui è stata scoperta solo la porzione della lunetta e di tre righe di testo geroglifico, mostra una scena di offerta nei confronti di due importanti regine del periodo di passaggio dalla XVII alla XVIII dinastia, in cui la nuova dinastia tebana riuscì a conquistare il potere e a riunificare l’Egitto a discapito dei dominatori stranieri Hyksos.

Sotto il classico disco solare alato, vediamo sedute in trono Tetisheri (a destra) e Ahmose-Nefertari (a sinistra), rispettivamente bisnonna e madre di Amenofi I, il faraone sotto il quale – più precisamente, come si vede all’inizio della prima riga, nell’11° anno del suo regno (1515 a.C. circa) – è stata realizzata la stele. Dopo la data, infatti, si legge la titolatura reale con il prenome Djeserkara e il nome Amenhotep.

43879403_2076960332335775_5623698094253146112_n

Source: MoA

Categorie: scoperte | Tag: , , , | Lascia un commento

Chi era il proprietario della tomba di Abusir?

110937471-1bec3578-1b7d-4415-97e3-11cb0c92c77f

Source: Czech Institute of Egyptology, Faculty of Arts, Charles University

Per un approfondimento sull’ultima notizia segnalata e maggiori informazioni sul proprietario della grande tomba scoperta ad Abusir dagli egittologi cechi, il mio articolo per National Geographic: https://goo.gl/mRuQPd

Categorie: National Geographic | Tag: , , , , | Lascia un commento

Abusir, scoperta tomba di alto funzionario della V dinastia

Doa6XEWWsAEzDXn

Source: Luxor Times

Ad Abusir, una delle necropoli più importanti dell’Antico Regno, gli archeologi cechi diretti da Miroslav Bárta (Univerzita Karlova, Praga) hanno scoperto una tomba di un alto funzionario vissuto durante il regno di Niuserra (2460-2430 a.C.). Curiosamente, la notizia è stata annunciata ieri proprio in corrispondenza del 60° anniversario dalla fondazione dell’Istituto Ceco di Egittologia.

Secondo quanto riferito da Mostafa Waziry, segretario generale del Supreme Council of Antiquities, il defunto si chiamerebbe Kairis e si fregerebbe di importanti titoli quali “Sovrintendente di tutti i lavori reali” (imy-r kAt nbt nt nswt), “Amato dal suo signore”, “Confidente del re” e soprattutto “Custode del Segreto della Casa del Mattino”. Quest’ultima onorificenza sta a indicare la partecipazione ai rituali mattutini, abluzioni e vestizione, che il faraone, in quanto figlio del Sole, officiava al risveglio in una particolare area del palazzo. Durante la V dinastia, il titolo di Hry sStA n pr-dwAt è particolarmente importante perché ricoperto da visir, principi o alti sacerdoti. Un esempio è Ptahshepses, visir e genero di Niuserra, sepolto proprio ad Abusir in una tra le tombe non reali più monumentali dell’Antico Regno.

Sebbene non si sia completato di scavare l’intero ipogeo, è bastato liberare dalla sabbia il pozzo funerario principale per scoprire la statua in granito rosa, spezzata in due parti, che mostra il defunto seduto su un sedile su cui sono incisi nome e titoli.

A breve maggiori dettagli.

Categorie: scoperte | Tag: , , , | Lascia un commento

Tombaroli scoprono tre tombe a Sohag

42790937_1368622483272935_1297702060426264576_n-750x430

Source: ahramalyoum.com

La Polizia del Turismo e Antichità ha arrestato tre uomini con l’accusa di scavo illegale nel sito di El-Kawthar, nel governatorato di Sohag (Medio Egitto). A incastrarli le foto trovate nei loro cellulari, le stesse che vedete allegate in questo articolo. I tombaroli, infatti, avrebbero individuato tre tombe risalenti a un imprecisato periodo faraonico e all’epoca greco-romana. Purtroppo, le scarne informazioni del comunicato del Ministero dell’Interno si concentrano più sull’operazione di polizia che sulla scoperta archeologica in sé. Si sa solo che pozzi profondi tre metri conducono a ipogei dai colori che, come vedete, sono ancora vividi e che le autorità hanno trovato all’interno solo resti di mummie, sottolineando quindi che i ladri lavoravano nelle tombe già da giorni.

Categorie: traffico di antichità | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.