Archivi del mese: giugno 2020

Luxor, nuove scoperte lungo il Viale delle Sfingi

106080429_3159091600803135_6900123186166433707_n

Source: Ministry of Tourism and Antiquities

Durante i lavori di musealizzazione del Viale delle Sfingi, la lunga via processionale che collegava i templi di Luxor e Karnak, gli archeologi egiziani hanno effettuato diversi ritrovamenti databili al Periodo Tardo e all’epoca romana. L’area in questione è più precisamente quella dell’agglomerato di Naga Abu Asaba, nei pressi del tempio di Khonsu.

Come è capitato più volte in passato, sono stati scoperti forni circolari per la produzione di ceramica di epoca romana (foto in alto), insieme a un muro in blocchi di arenaria che serviva a contenere le piene del Nilo sulla sua riva orientale (in fondo a destra). Sempre a ovest della strada è poi emerso un muro in mattoni crudi lungo 30 metri, largo 2,5 e alto 3 (foto in fondo all’articolo).

Secondo gli ultimi annunci, la cosiddetta “Kebash Road” dovrebbe essere inaugurata al pubblico nel 2021, seppur i rinvii di questa data si susseguano ormai dal 2004, da quando si cominciò a liberare dalle case tutto il tratto di 2,7 km che veniva percorso durante la Festa di Opet. L’attuale sistemazione corrisponde a quella voluta da Nectanebo I (380-362 a.C.) che fece restaurare l’originale versione di Amenhotep III aggiungendo ai lati della strada 1350 sfingi, distanziate di 4 metri l’una dall’altra.

Categorie: scoperte | Tag: , , , | 1 commento

Verso la riapertura dei musei e dei siti archeologici in Egitto

800px-Abu_Simbel_temples

Source: Wikimedia Commons

L’Egitto si prepara a riaccogliere i turisti stranieri dopo il lungo periodo di lockdown dovuto al COVID-19. Il Ministo del Turismo e delle Antichità, Khaled el-Enany, ha annunciato che dal 7 luglio riapriranno, oltre alle località balneari, anche le piramidi di Giza, i templi di Karnak e Abu Simbel, l’isola di File e il Museo Egizio del Cairo. Per il resto dei siti e dei musei bisognerà aspettare settembre. In ogni caso, sarà prorogato fino al 31 ottobre lo sconto del 50% alle aree archeologiche e ai musei dei governatorati di Qena, Luxor e Assuan (qui la lista di tutti i prezzi).

Intanto sono state diramate da Mostafa Waziry, segretario generale del Supremo Consiglio delle Antichità, anche le regole sanitarie che le missioni archeologiche dovranno adottare durante gli scavi. Nelle aree all’aperto non si potranno utilizzare più di 30 lavoratori, mentre si dovrà stare al massimo in quattro – compreso l’ispettore del Ministero – in strutture chiuse come le tombe. Saranno inoltre obbligatori guanti e mascherine e la sanificazione frequente degli strumenti di lavoro.

 

Categorie: turismo | Tag: , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.