Verso la riapertura dei musei e dei siti archeologici in Egitto

800px-Abu_Simbel_temples

Source: Wikimedia Commons

L’Egitto si prepara a riaccogliere i turisti stranieri dopo il lungo periodo di lockdown dovuto al COVID-19. Il Ministo del Turismo e delle Antichità, Khaled el-Enany, ha annunciato che dal 7 luglio riapriranno, oltre alle località balneari, anche le piramidi di Giza, i templi di Karnak e Abu Simbel, l’isola di File e il Museo Egizio del Cairo. Per il resto dei siti e dei musei bisognerà aspettare settembre. In ogni caso, sarà prorogato fino al 31 ottobre lo sconto del 50% alle aree archeologiche e ai musei dei governatorati di Qena, Luxor e Assuan (qui la lista di tutti i prezzi).

Intanto sono state diramate da Mostafa Waziry, segretario generale del Supremo Consiglio delle Antichità, anche le regole sanitarie che le missioni archeologiche dovranno adottare durante gli scavi. Nelle aree all’aperto non si potranno utilizzare più di 30 lavoratori, mentre si dovrà stare al massimo in quattro – compreso l’ispettore del Ministero – in strutture chiuse come le tombe. Saranno inoltre obbligatori guanti e mascherine e la sanificazione frequente degli strumenti di lavoro.

 

Categorie: turismo | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: