mummie

Sorpresa a Sidney: una mummia nel sarcofago che doveva essere vuoto

https_blueprint-api-production.s3.amazonaws.comuploadscardimage741902b40b5fd3-f2f0-4495-9bec-0e95740b09e3

Source: Nicholson Museum

4A9665F400000578-5547167-image-a-6_1522116809336

Source: Nicholson Museum

Sarà la vicinanza con la Pasqua, ma in questi giorni i giornali di tutto il mondo stanno rilanciando notizie su ‘sorprese scartate’ in varie collezioni egizie. In particolare, dall’Australia ne arriva una veramente inaspettata. Gli studiosi della University of Sidney, infatti, di certo non pensavano di trovare qualcosa in uno dei sarcofagi egizi conservati nei magazzini del Nicholson Museum. Dopo oltre 150 anni, in occasione dell’allestimento del nuovo museo universitario, la cassa antropoide è stata studiata per la prima volta e il team diretto da Jamie Fraser si è accorto che non era vuota come preventivato: al suo interno, terra e resti umani fortemente disturbati (immagine in alto), forse per l’intervento di un ladro in cerca di amuleti.

I frammenti di mummia appartengono con tutta probabilità a Mer-Neith-it-es, sacerdotessa di Sekhmet durante la XXVI din. (664-525 a.C.) il cui nome compare sul coperchio del sarcofago (foto a sinistra). Lo scavo microstratigrafico del contenuto al momento ha portato solo all’individuazione dei piedi della defunta, ma la TAC ha fornito molte informazioni in più (immagine in basso). Infatti, John Magnussen, radiologo della Macquarie University che ha scansionato il reperto, ha affermato che le ossa indicano un individuo di oltre 30 anni e che è visibile anche il riempimento della calotta cranica con della resina a sostituzione del cervello estratto.

http://sydney.edu.au/museums/publications/muse/Muse-March2018.pdf

_100579093_mer-neith-it-esct

Source: Macquarie University

Annunci
Categorie: antropologia/paleopatologia, mummie | Tag: , , | Lascia un commento

Restaurate 7 mummie dall’Oasi di Dakhla

28685831_1706043899441253_4609876995382181888_n

Source: MoA

(Attenzione: le immagini presenti nell’articolo potrebbero impressionare le persone più sensibili)

Gli esperti dell’Egypt’s Mummies Conservation Project hanno recentemente restaurato 7 mummie dalla necropoli di El-Muzawaka. Il cimitero, risalente al periodo greco-romano, si trova nell’Oasi di Dakhla ed è composto da una serie di tombe, la più famosa delle quali è quella di Petosiris, spesso in pessimo stato. In particolare, i corpi imbalsamati sono stati abbandonati per decenni tra sabbia e spazzatura, senza alcuna protezione dai turisti (immagine in basso). Per questo è stato necessario procedere a un’intervento di restauro che conclude la prima fase del progetto di conservazione delle mummie stipate nei vari magazzini del Ministero delle Antichità. In precedenza, erano stati trattati ‘pazienti’ da Kom Aushim nel Fayyum, dal Museo Nazionale di Alessandria e dal deposito di Mustafa Kamel sempre nella stessa città.

123312_muza1

Source: journey-to-world.blogspot.it

Gharib Sonbol, capo del progetto, ha fatto notare la particolarità di tre mummie: due presentano la bocca aperta (in basso a destra), mentre una ha le mani legate con una corda (in basso a sinistra). Queste caratteristiche, non ascrivibili al normale processo di imbalsamazione, fanno pensare a un’esecrazione, cioè a una maledizione ricevuta in vita per un qualche tipo di reato o peccato. La stessa cosa è riscontrabile nella cosiddetta “Mummia urlante”, probabilmente il corpo di uno dei sospettati dell’omicidio di Ramesse III.

Categorie: mummie, restauro | Tag: , | Lascia un commento

I più antichi tatuaggi figurativi su una mummia egizia

114420864-9c8992d5-339f-4f1d-b28a-11fd69fba1bb

Source: British Museum

Gebelein Man tattoo (1)_preview

Source: British Museum

Ginger è il primo individuo tatuato al mondo. O meglio, è colui che ha sulla pelle i più antichi segni figurativi finora individuati. Il vero primato, infatti, spetta per poco al nostro Ötzi (3370-3100 a.C.) che però ha solo punti, linee e crocette. La scoperta è stata recentemente pubblicata sul Journal of Archaeological Science, dopo che la mummia del cosiddetto Uomo A di Gebelein (detto appunto Ginger per il colore rossastro dei capelli) è stata sottoposta a nuovi esami.

Il corpo appartiene a ragazzo che morì, tra i 18 e i 21 anni, a causa di una pugnalata alla schiena, nel periodo Naqada II (tra il 3351 e il 3017 a.C.). Il cadavere si mummificò naturalmente per il contatto diretto con la sabbia quando fu sepolto in posizione fetale, semplicemente avvolto in un lenzuolo e stuoie, nella località a 30 km a sud di Luxor. La mummia è esposta dal 1900 nel British Museum (EA32751), ma solo ora, grazie agli infrarossi, si è capito che quella macchia scura indistinta sul braccio destro corrisponde, in realtà, a due animali cornuti: un uro (un grande toro selvatico ormai estinto: Bos taurus primigenius) e una capra berbera (Ammotragus lervia). Senza addentrarmi in difficili valutazioni di tipo ideologico, entrambi gli animali sono tipici dell’arte predinastica. Il pigmento, probabilmente fuliggine, è stato inserito in profondità nel derma con un ago.

Gebelein Woman tattoo_preview

Source: British Museum

Praticamente coeva di Ginger è la mummia della Donna di Gebelein su cui sono stati ritrovati altri tatuaggi, ma di più difficile interpretazione. Sulla spalla sinistra, infatti, ci sono 4 simboli a forma di “S” (foto in alto), mentre, sul braccio destro, un motivo lineare (foto in basso), forse un bastone o comunque un oggetto rituale, che si riscontra sulle ceramiche dell’epoca.

http://www.britishmuseum.org/pdf/Earliesttattoos.pdf

Gebelein Woman stick tattoo_preview

Source: British Museum

Categorie: antropologia/paleopatologia, mummie | Tag: , , , | Lascia un commento

Cold Case: Ramesse III è stato sgozzato (e forse abbiamo il colpevole)

image-

L’esposizione temporanea al Museo Egizio del Cairo di alcuni reperti, di solito chiusi nei depositi, ha riacceso i riflettori su una mummia particolare che, per aspetto e tecniche d’imbalsamazione, si distingue da tutte le altre: l’“Unknown Man E”, soprannominato la “Mummia urlante”. Questo misterioso individuo è legato a un controverso caso di cronaca nera, riaperto dopo 3000 anni e forse risolto. Per questo, ripropongo un vecchio articolo scritto nel 2012 per l’Archoblog di VOLO, in cui parlo della vicenda del cosiddetto “complotto dell’harem” e del tentativo, a quanto pare riuscito, di uccisione del faraone Ramesse III (1186-1154 a.C.).

I fatti erano già noti grazie al “Papiro giuridico di Torino” (qui la scheda del Museo Egizio), nel quale si racconta del tentativo di congiura ordito da una delle spose di Ramesse III, Tiye, coadiuvata da numerosi altri membri della corte. Il piano consisteva nel colpire il re proprio nell’harem, per poi sostituire il legittimo erede al trono, Ramessu-Hekamaat-Meriamun (il futuro Ramesse IV), con il figlio di Tiye Pentaur. Il complotto venne scoperto e i colpevoli puniti con la pena capitale, ma un particolare ha sempre destato sospetti: il faraone, durante la descrizione del processo, è definito “Dio Grande” (nTr aA), epiteto di solito riservato ai faraoni divinizzati dopo la morte. Che quindi sia stato ucciso durante il tentativo di golpe?

lll

Ora, uno studio pubblicato sul British Medical Journal sembra dirimere ogni dubbio. Un’equipe di ricercatori, composta da Albert Zink, paleopatologo dell’EURAC di Bolzano (centro che ha studiato il nostro Ötzi), Carsten Push, esperto di genetica molecolare dell’Università di Tubinga, e Zahi Hawass (in questo caso non servono presentazioni), sembra aver individuato la causa della morte di Ramesse III. Grazie alle immagini della TAC, si è visto che, sotto le bende, si trova un profondo taglio alla gola che, recidendo trachea, esofago e ogni vaso sanguigno fino alle vertebre, ha causato il decesso istantaneo. Successivamente, durante la mummificazione, è stato inserito nella ferita un amuleto a forma di udjat (indicato dalla freccia nella foto) per permetterne la rimarginazione nell’Aldilà.

Altre informazioni sono arrivate dalle analisi del DNA che hanno collegato Ramesse III al misterioso “Unknown Man E”, la cui mummia (foto a sinistra) fu scoperta da Maspero nella caschette di Deir el-Bahari nel 1886. Questa mummia era stata imbalsamata con un procedimento rudimentale e, contro ogni tradizione, avvolta solo da pelle di capra. Sembra quindi che il ragazzo, morto intorno ai 18-20 anni, abbia ricevuto un trattamento volutamente inefficace e impuro che comprendeva la semplice disidratazione nel natron e il versamento di resina nella bocca aperta; inoltre, mani e piedi erano legati con lacci di cuoio. Il torace gonfio e la pelle del collo compressa farebbero pensare a un’impiccagione o comunque allo strangolamento, possibile punizione per aver partecipato al complotto. Già da tempo si pensava che la mummia appartenesse a Pentaur e la codifica del genoma ha confermato la parentela con il faraone, ma per la certezza matematica servirebbe il corpo della madre Tiye che, però, non è mai stato ritrovato.

http://www.bmj.com/content/345/bmj.e8268

Categorie: antropologia/paleopatologia, mummie | Tag: , , , , | 2 commenti

All’Hermitage, lei è in realtà un lui… castrato

4507863D00000578-4947516-image-a-24_1507121212364

Source: TVC

Gli esami autoptici effettuati sulle mummie egizie spesso regalano sorprese. Ad esempio, una volta deciso di studiare i resti di una donna vissuta oltre 2500 anni fa, può capitare anche di farle una TAC e di trovargli qualcosa di troppo; o meglio, solo le tracce di quel qualcosa… È successo ai curatori dell’Hermitage e ai medici dell’Ospedale n°122 di San Pietroburgo, convinti di analizzare il corpo imbalsamato di Babat -aristocratica tebana e cantante di Amon-Ra durante le dinastie XXV-XXVI (755–525 a.C. circa)- e ritrovatisi, invece, con un uomo di mezz’età senza gli attributi sessuali. Ad annunciare la notizia è stato il direttore stesso del museo russo, Mikhail Piotrovsky, che ha presentato anche ulteriori dettagli degli esami. L’uomo, al di là della sua menomazione, godeva di un ottimo stato di salute e poteva fregiarsi di una dentatura molto più sana rispetto alla media dei suoi contemporanei. Non è chiaro, però, se la castrazione sia stata effettuata prima o dopo la morte. Così, oltre ad approfondire questo dettaglio non da poco, bisognerà capire anche a chi appartenga la mummia. La prima ipotesi formulata la identificherebbe con quella di Pa-kesh -sacerdote e “Capo dei guardiani del faraone”-  perché il suo sarcofago fu acquisito dall’Hermitage intorno al 1890 insieme a quello coevo di Babat.

http://hermitagemuseum.org/wps/portal/hermitage/news/news-item/news/2017/news_257_17/?lng=en

Categorie: antropologia/paleopatologia, mummie | Tag: , , , | Lascia un commento

Kha e Merit tornano insieme per una TAC

17634766_10158428392075103_8060486223041816257_n

Source: Museo Egizio di Torino

Non è la prima volta che, negli ultimi mesi, si vede un grosso camion bianco parcheggiato in Via Accademia delle Scienze (foto in basso); questa volta, però, c’è una particolarità “romantica”. Con la giornata di oggi, si chiude un’altra tornata di analisi nel laboratorio mobile del “Mummy Conservation Project”, utilizzato per effettuare TAC alle mummie umane e animali del Museo Egizio di Torino. Il progetto – portato avanti, insieme all’Egizio, dalla Soprintendenza, dal centro Eurac di Bolzano, dal team medico statunitense del gruppo Horus e dal Curt Engelhorn Zentrum Archäeometrie di Mannheim – ha come scopo lo  studio delle tecniche d’imbalsamazione e dello stato di conservazione dei corpi conservati nel museo. Oltre alla TAC, si effettueranno analisi del DNA e datazioni al C14. Tra le mummie analizzate nell’ultima settimana, tornando alla particolarità odierna, figurano anche quelle di Kha e Merit (immagine in alto), l’architetto di XVIII dinastia e sua moglie ritrovati da Schiaparelli nella loro tomba intatta (TT8) di Deir el-Medina nel 1906.

Categorie: mummie | Tag: , , | Lascia un commento

Museo Egizio di Torino: confermata l’identificazione delle gambe di Nefertari

Source: plosone

Uno studio scientifico multidisciplinare confermerebbe una teoria che ha oltre 100 anni: di Nefertari rimarrebbero solo le ginocchia! Tra le regine più celebri dell’antico Egitto, Nefertari morì intorno a 40-50 anni nel 25º anno di regno del marito Ramesse II (1279-1212) e fu sepolta nella spettacolare QV66 della Valle delle Regine. La tomba, depredata già in antico, fu scoperta nel 1904 da Ernesto Schiaparelli, l’allora direttore del Museo Egizio di Torino; per questo, i pochi oggetti trovati nella sepoltura fanno parte della collezione piemontese.

Tra questi, spiccano tre frammenti di gambe mummificate (S. 05154 RCGE 14467), una rotula e parte delle tibie e dei femori, da subito collegati alla regina per il contesto di ritrovamento. Ora, grazie all’esame del DNA, ai raggi X, alla datazione al radiocarbonio, a ricostruzioni antropometriche e allo studio egittologico dei pezzi superstiti del corredo, si avrebbero dati quasi definitivi in tal senso. I resti, infatti, apparterrebbero a una sola donna di circa 40 anni, vissuta intorno al 3244 +- 17 BP  (before present, cioè prima del 1950), datazione compatibile con il regno di Ramesse. Inoltre, le analisi chimiche dei materiali usati nella mummificazione rivelerebbero tecniche adottate durante la XIX-XX dinastia (assenza di bitume e utilizzo di grasso animale).

L’articolo originale nato dal lavoro che fa parte del “Canopic Jar Project”http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0166571

Categorie: mummie | Tag: | 1 commento

TAC su una mummia di falco rivela il feto di un bambino

immagine

Source: kentonline.co.uk

Le TAC effettuate su mummie riservano spesso sorprese. Può capitare di trovare attrezzi per l’imbalsamazione dimenticati nel cadavere, di invertire il sesso del defunto o di scoprire veri e propri falsi. Ma immaginate la sorpresa di chi, convinto di analizzare i resti di un falco, si è ritrovato con un feto umano di sole 20 settimane! È successo ai medici del Kent Institute of Medicine and Surgery incaricati di scansionare le mummie conservate presso il Maidstone Museum, museo dell’Inghilterra meridionale che possiede anche una collezione egizia di circa 600 reperti. Tra i “pazienti” presi in carico dal KIMS Hospital, infatti, risultava anche un piccolo corpo coperto da cartonnage di età tolemaica (323-30 a.C.) che, per le ridotte dimensioni, si pensava appartenesse a un rapace. Invece, le immagini computerizzate hanno identificato le ossa di uno tra i più giovani bambini mummificati mai ritrovati (insieme ai casi di 16 settimane dello Swansea University’s Egypt Centre e del Fitzwilliam Museum di Cambridge).

http://museum.maidstone.gov.uk/findings-maidstone-museums-mummy-scan/

Categorie: mummie | Tag: , , , | 1 commento

La TAC rivela la mummia del più giovane feto mai scoperto

cropmummy2

Source: independent.co.uk

Prima della radiografia e della TAC, gli egittologi del Fitzwilliam Museum di Cambridge si aspettavano che, nel piccolo sarcofago di 44 cm, ci fosse solo un organo asportato dal corpo di un defunto durante il processo d’imbalsamazione. Invece, nel pacchetto di lino ricoperto di resina scura, si trova un’intera mummia, anche se in miniatura, dell’individuo più giovane scoperto finora. Si tratta, infatti, di un feto di 16-18 settimane, risalente al Periodo Tardo (664-525 a.C.), in cui sono ancora evidenti le braccia incrociate sul petto. Il sarcofago fu scoperto nel 1907 a Giza dalla missione della British School of Archaeology.

Questa scoperta conferma l’importanza che gli Egizi davano ai bambini nati morti che, come tutti gli altri, avevano il diritto alla mummificazione e, quindi, alla rinascita nell’Aldilà. Esemplare è il caso dei due feti di 25 e 37 settimane trovati nella tomba di Tutankhamon. Il primato della mummia di Cambridge, però, è da condividere con una conservata presso lo Swansea University’s Egypt Centre e di cui, curiosamente, avevo parlato proprio lo stesso giorno di due anni fa.

Categorie: antropologia/paleopatologia, mummie | Tag: , , , | 1 commento

Individuati oltre 20 tatuaggi su una mummia di Deir el-Medina

web_15001_frontal_neck (1)

Source: nature.com

Le tracce di tatuaggi nell’antico Egitto, in particolare in età dinastica, sono molto rare, ma sembrano avere una connotazione ben precisa. Infatti, fin dalle prime attestazioni risalenti alla VI dinastia, i disegni sulla pelle caratterizzano soprattutto i corpi di donne – sacerdotesse, musiciste o danzatrici – che avevano un ruolo nel culto di Hathor. I tatuaggi, quindi, meglio conosciuti per la loro raffigurazione su dipinti e statuette, avrebbero una valenza religiosa legata alla sfera della sessualità. Un chiaro esempio è la mummia di Amunet, sacerdotessa della dea durante l’XI dinastia. Finora, però, questi simboli si limitavano per lo più a punti e tratti o, al massimo, a figure stilizzate. Per questo stupisce il risultato dello studio della bioarcheologa Anne Austin (Stanford University, California) sui resti di una donna sepolta a Deir el-Medina nel periodo ramesside (1300-1070). La mummia, di cui rimane solo il busto senza testa né avambracci, è stata scoperta dalla missione dell’IFAO diretta da Cédric Gobeil. Grazie all’analisi agli infrarossi, è stato possibile individuare tracce invisibili ad occhio nudo riconducibili a oltre 23 tatuaggi figurati: fiori di loto sulle anche, vacche sulle braccia, babbuini e udjat sul collo (vedi immagine); l’occhio di Horus è ripetuto anche su spalle e schiena. La scelta dei soggetti, secondo l’egittologa Emily Teeter (Oriental Institute di Chicago), confermerebbe il collegamento della defunta con i culti hathorici che sembra essere cresciuto d’importanza nel tempo visto che i tattoo non sono stati effettuati tutti in una volta.

Lo studio è stato presentato all’85° convegno annuale dell’American Association of Physical Anthropologistshttp://meeting.physanth.org/program/2016/session04/austin-2016-embodying-the-goddess-tattooing-and-identity-formation-in-bioarchaeology.html

Categorie: mummie | Tag: , , , , , , | 3 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.