Articoli con tag: Alessandro Magno

Aperto il sarcofago in granito nero di Alessandria

37343306_2141541749464005_8276771677291937792_n

Source: MoA

Il “mistero” dell’ormai celebre sarcofago di Alessandria si avvia alla risoluzione. Questa mattina, una squadra di uomini del Ministero egiziano delle Antichità, diretta da Mostafa Waziry, segretario generale del Supreme Council of Antiquities, e Ayman Ashmawi, capo del settore delle Antichità Egizie del Ministero, ha messo fine alla serie di voci infondate nate attorno alla scoperta effettuata 20 giorni fa.

Nella grande bara in granito nero, aperta rimuovendo direttamente nel pozzo di scavo il coperchio,  si celavano ‘solo’ tre scheletri immersi in scuri liquami.

Il pesante coperchio e la sigillatura in malta, infatti, non hanno impedito il passaggio di acqua di fogna, entrata in una fessura sul lato sinistro, che ha irrimediabilmente fatto decomporre i tessuti molli delle mummie. Secondo un’analisi preliminare, le ossa apparterrebbero a tre adulti di sesso maschile la cui identità è ancora ignota.

In particolare, almeno uno di loro dovrebbe essere un soldato, forse un ufficiale dell’esercito, perché – afferma Waziry – il suo cranio presenta diverse lesioni imputabili a armi da taglio. Shaban Abd Monem, antropologo del Ministero, aggiunge che l’uomo potrebbe essere morto perché colpito in testa da una freccia.

Non sono stati segnalati altri ritrovamenti. Ora i resti sono stati trasferiti nel Museo Archeologico Nazionale di Alessandria per ulteriori esami, mentre il sarcofago, pesante oltre 30 tonnellate, subirà un primo restauro in loco e poi sarà spostato, grazie all’aiuto dell’esercito, nei depositi della necropoli ellenistica di Mustafa Kamel.

Categorie: National Geographic | Tag: , , , | 2 commenti

Metropolitan di New York: inaugurata la nuova sezione dell’Egitto tolemaico

kingandptolemy

Source: metmuseum.org

Il Metropolitan Museum of Art di New York conserva una delle più importanti e corpose collezioni egizie del mondo, compreso un intero tempio, quello di Dendur, donato dall’Egitto agli Stati Uniti per l’impegno nel salvare il patrimonio archeologico messo in pericolo dalla diga di Assuan. Tra le 40 gallerie dedicate ai reperti nilotici, la 133 e la 134 sono state adibite alla nuova istallazione sul periodo tolemaico (332-30 a.C.). L’inaugurazione è avvenuta il 30 giugno, dopo anni di studio e progettazione e uno di trasferimento dei pezzi. Il rinnovato allestimento si basa su due temi principali: i grandi templi dei centri cittadini e la “ritrattistica” di sovrani, funzionari e sacerdoti. Ovviamente, grande attenzione è riservata alla commistione tra le due anime dell’Egitto dell’epoca, quella faraonica e quella greca portata dai nuovi dominatori con Alessandro Magno. Ad esempio, i faraoni potevano essere rappresentati attraverso il canone tradizionale, ellenistico o ibrido mescolando, a seconda della situazione, simboli religiosi e/o politici delle due culture.

http://www.metmuseum.org/blogs/now-at-the-met/2016/egyptian-ptolemaic-art-installation

 

P.S. Questo è il 500° articolo del blog… Troppe candeline su cui soffiare!

Categorie: mostre/musei | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.