Articoli con tag: Ameny Qemau

Dahshur, ricostruito il “volto” della principessa Hatshepsut

19016088-7512029-image-a-20_1569598177950

Source: Channel 4

Nell’aprile del 2017 gli archeologi egiziani avevano individuato a Dahshur (circa 40 km a sud di Giza) i resti di una piramide risalente alla XIII dinastia. Della struttura, in realtà, rimaneva solo la base a causa della successiva espoliazione dei blocchi in calcare. Anche la camera funeraria stessa appariva già depredata in antichità per l’assenza degli oggetti del corredo e per le ossa del defunto sparse sul pavimento.

Integra era solo la cassa canopica in legno che conservava ancora gli organi all’interno e che ha permesso di capire, grazie alla lettura delle sue iscrizioni, che la tomba apparteneva alla principessa Hatshepsut, figlia del faraone Ameny Qemau (1790 a.C. circa) e solo omonima della ben più nota regina di XVIII dinastia.

In realtà, mescolati alle ossa c’erano anche frammenti del sarcofago che era stato distrutto dai tombaroli. Ieri, in esclusiva per la trasmissione “Egypt’s Lost Pyramids” dell’emittente britannica Channel 4, è stato mostrato per la prima volta il frutto del restauro del sarcofago, pulito e ricomposto dagli archeologi dell’American University of Cairo. Sono riapparsi quindi i tratti di un volto femminile, caratterizzato da una parrucca hathorica, che secondo gli egittologi che lo hanno studiato sarebbe l’idealizzazione di quello della principessa Hatshepsut

Categorie: restauro | Tag: , , , , | Lascia un commento

Aperta la camera funeraria della piramide di Dahshur: trovata la cassa per gli organi del defunto

18342143_1410685488977097_8992884269851542251_n

Source: MoA

Proprio stamattina era arrivata la risposta ufficiale del Ministero delle Antichità a quanti, nell’ultimo mese, avevano messo in dubbio l’effettiva ‘originalità’ della scoperta a Dahshur di una nuova piramide. La missione egiziana diretta da Adel Okasha aveva individuato nel monumento funerario il cartiglio di Ameny Qemau, faraone della XIII dinastia che regnò intorno al 1790 a.C.; per questo, in molti avevano pensato che la piramide fosse la stessa che era stata ritrovata nel 1957.

A quanto pare, invece, si tratta effettivamente di una piramide diversa, lontana 600 metri da quella già nota, e probabilmente appartenente a un’altra persona. Sollevando il pesante blocco di copertura (immagine in basso), gli archeologi sono riusciti ad accedere alla camera funeraria dove si trovava ancora la cassa lignea (foto in alto) in cui erano riposti gli organi interni del defunto (fegato, polmoni, intestini e stomaco). Come era prassi per il II Periodo Intermedio, non erano utilizzati i vasi canopi, ma le viscere erano trattate, ricoperte da bende – che, in questo caso, si sono conservate – e riposte in questi contenitori. Sulle pareti esterne della scatola, una linea di geroglifici su tre lati presenta formule protettive per quello che, a questo punto, è il vero proprietario della piramide, cioè la figlia di Ameny Qemau o un altro membro della famiglia reale. Non è stato specificato il nome, ma, come ha fatto notare Alexander Ilin-Tomich (Johannes Gutenberg-Universität Mainz) su EEF, dovrebbe essere la “Figlia del re” Hatshepsut, già nota da altri due oggetti della XIII dinastia. Nella stanza c’era anche il sarcofago antropoide che, tuttavia, è in pessimo stato di conservazione.

18423816_1410685775643735_5636459032680859357_n

Source: MoA

Categorie: scoperte | Tag: , , , | 2 commenti

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.