Articoli con tag: maledizione

Bufale eGGizie*: la “mummia sfortunata” che affondò il Titanic

Pearson's_Magazine_1909_with_Unlucky_Mummy

Source: wikipedia.org

(*A scanso di equivoci, il nome della rubrica contiene volutamente un errore ortografico per sottolineare il carattere a dir poco ridicolo di alcune notizie riguardanti l’Egitto che circolano nel web e non solo)

Dopo aver avuto il piacere di intervenire sul n° 287 di Focus (settembre 2016), intervistato da Maria Leonarda Leone sulla maledizione di Tutankhamon, colgo l’occasione per approfondire il discorso parlando di un’altra leggenda metropolitana che riguarda antico Egitto e superstizioni. Sì, perché, ancor prima della scoperta della KV62 e della conseguente ‘tutmania’, circolavano già storie su misteriose morti da imputare all’influenza maligna delle centinaia di mummie egizie arrivate nell’Inghilterra vittoriana.

AN00022794_001_l

Source: britishmuseum.org

Una di queste è ancora ricordata con l’appellativo di “Unlucky Mummy” e si trova nella Sala 62 del British Museum (n° inv. EA22542). In realtà, non è un corpo mummificato ma un coperchio di sarcofago appartenuto a una donna della XXI dinastia (950 a.C. circa) e donato al museo nel luglio 1889 da Mrs. Warwick Hunt a nome di Arthur Wheeler. Non si conosce il nome della defunta, anche se, guardando la fattura dell’oggetto, è probabile che appartenesse a un’alta classe sociale. In ogni caso, nei primi cataloghi del British, è indicata come sacerdotessa di Amon-Ra. A incutere timore nei londinesi dell’epoca era soprattutto l’espressività del volto della maschera che fece nascere una serie di superstizioni e dicerie sulla presunta cattiva sorte toccata a tutti coloro che, per un motivo o l’altro, erano venuti a contatto con il reperto; voci che incuriosirono Bertram Fletcher Robinson, giornalista del Daily Express e amico/collaboratore di Sir Arthur Conan Doyle (curioso notare come siano nate leggende anche sul rapporto tra i due secondo le quali il padre di Sharlock Holmes avrebbe copiato il romanzo “Il mastino dei Baskerville” a Robinson e poi avrebbe avvelenato il vero autore per coprire il misfatto).

Robinson passò anni a raccogliere materiale da pubblicare sulle colonne del quotidiano per cui lavorava e continuò anche dopo il 1904, quando passò a Vanity Fair. Purtroppo, però, non riuscì a completare la sua inchiesta perché morì a soli 36 anni, il 21 gennaio 1907. La causa dell’improvviso decesso fu una febbre tifoide che portò a peritonite, ma Doyle, spiritista convinto, l’attribuì a uno spirito elementale intrappolato nel coperchio (spiegazione che userà successivamente anche per la maledizione di Tutankhamon). Fra l’altro, lo scrittore stesso aveva compiuto ricerche presso il British Museum nel 1891 per il suo racconto breve “Lot No. 249” in cui una mummia si risveglia a Oxford dopo la lettura di una formula magica su un papiro.

Bertram_Fletcher_Robinson_(circa_1902)

Source: wikipedia.org

L’attenzione mediatica provocata dalle parole di Doyle convinse l’editore del Pearson’s Magazine, proprietario anche del Daily Express, a riprendere gli appunti di Robinson (nella foto qui accanto) e a farli riscrivere da G. Russel nell’agosto del 1909 (in alto a sinistra, l’iconica copertina del numero): intorno alla metà degli anni ’60 del XIX secolo, 5 ricchi britannici intraprendono un viaggio lungo il Nilo fino ad arrivare a Luxor dove sarebbe stato scoperto il coperchio. Già in Egitto, uno dei componenti della spedizione sparisce nel deserto e a un altro viene amputato il braccio per un colpo di pistola accidentale. Tornati in Inghilterra, un terzo uomo riceve un altro proiettile e l’anonimo Mr. W. (il Wheeler che donò il pezzo al British?), venuto in possesso del reperto, si accorge di aver perso gran parte dei suoi averi e muore poco dopo. Lo sfortunato oggetto passa alla sorella che, a sua volta, subisce gravi perdite finanziarie pur non credendo alla maledizione. Ma, dopo la morte dell’amico fotografo che aveva immortalato nella maschera il volto di una donna vivente e dopo che la celebre chiaroveggente Madame Helena Blavatsky aveva percepito una presenza malvagia, Mrs. W. si convince a cedere il coperchio al museo londinese. Perfino il trasferimento fa le sue vittime, con i due poveri facchini che ci lasciano le penne durante il trasporto della cassa. Appare ovvio che si trattasse di un mucchio di congetture non verificabili per mancanza di nomi e dati oggettivi.

1024px-RMS_Titanic_3

Source: wikipedia.org

Tuttavia, la storia non finisce qui intrecciandosi, 3 anni dopo, con la tragica vicenda del Titanic. Poco dopo il naufragio, infatti, quotidiani e riviste riportarono la notizia secondo la quale l’Unlucky Mummy sarebbe stata nella stiva del transatlantico, imbarcata da un archeologo americano. Successivamente, il coperchio, messo su una scialuppa di salvataggio e portato negli USA, sarebbe finito su un’altra nave protagonista di un grave incidente, il piroscafo inglese Empress of Ireland affondato il 29 maggio 1914 con oltre 1000 vittime. Insomma, un po’ troppo anche per l’internauta più fantasioso, ma i giornali dell’epoca (e non solo) approfittavano spesso della curiosità morbosa e della credulità dei lettori.

Questo improbabile collegamento nacque a causa delle credenze esoteriche di William T. Stead, giornalista che perse realmente la vita sul Titanic. Stead, durante le cene sul transatlantico, intratteneva i commensali con racconti di mummie e maledizioni, alcuni dei quali vissuti in prima persona. Come quella volta in cui, invitato a casa di amici per vedere il loro nuovo ‘acquisto’ d’antiquariato, avrebbe assistito all’esplosione di rabbia di uno spirito maligno, uscito dall’ormai noto sarcofago poi finito al British, che avrebbe infranto tutti i vetri della stanza e che avrebbe portato malattie e sfortuna tra i presenti. Uno dei sopravvissuti al naufragio, poi, rilasciò un’intervista al New York World riportando come vere proprio queste storie e ipotizzando l’influenza negativa della sacerdotessa di Amon-Ra sulla tragedia.

Bufale simili continuarono a propagarsi nel mondo per anni, tanto da costringere nel 1934 (ben 22 anni dopo; ma, d’altronde, c’è ancora chi ci crede ora…) Sir Wallis Budge, curatore della sezione egizia e assira del British dal 1894 al 1924, a scrivere: «[…] no mummy which ever did things of this kind was ever in the British Museum. […] The cover never went on the Titanic. It never went to America». Effettivamente, l’Unlucky Mummy non ha mai lasciato Londra fino al 1990, quando fu prestata per una mostra temporanea in Australia, e poi nel 2007 per un evento a Taiwan. Inutile aggiungere che, in entrambi i casi, non è stato riscontrato alcun incidente durante il trasporto.

Annunci
Categorie: bufale eGGizie | Tag: , , , , | 1 commento

Bufale eGGizie*: la maledizione di Tutankhamon

 

rarenewspaperpuntocom.jpg

Source: rarenewspaper.com

(*A scanso di equivoci, il nome della rubrica contiene volutamente un errore ortografico per sottolineare il carattere a dir poco ridicolo di alcune notizie riguardanti l’Egitto che circolano nel web e non solo)

 

Il 2015 è stato senza dubbio l’anno di Tutankhamon e sono sicuro che questo trend sarà confermato anche per i prossimi mesi con il proseguimento delle indagini sulle camere nascoste. Quindi, colgo l’occasione per aprire il 2016 chiarendo alcune leggende metropolitane che circolano da quasi un secolo attorno alla KV62 e che, tutt’oggi, sono ancora materia prima per libri e documentari. La straordinaria importanza del ritrovamento della tomba scatenò da subito una vera e propria tutmania che influenzò l’arte e la moda dell’epoca. Ovviamente, una sepoltura intatta piena di tesori spettacolari e migliaia di altri oggetti mai toccati da millenni non poteva non attirare l’attenzione dei giornali che, ben presto, cominciarono a pubblicare strane notizie che accrebbero in modo esponenziale la curiosità dei lettori: nacque così la maledizione di Tutankhamon.

Prima di arrivare alla maledizione, però, va fatta una veloce carrellata degli eventi che portarono alla scoperta. Il tutto partì dai problemi fisici di George Edward Stanhope Molyneux Herbert, V conte di Carnarvon (che, per ovvi motivi, da ora in poi chiamerò solo Lord Carnarvon), costretto a recarsi in Egitto fin dal 1903 per svernare nei mesi più freddi e alleviare una grave affezione respiratoria. Qui, dotato di un forte amore per l’antiquariato, fondi illimitati e tanto tempo libero, si mise a scavare per conto suo ma con scarsi risultati; così, su consiglio del direttore generale delle Antichità egizie Gaston Maspero, si affidò a un giovane Howard Carter che, a causa di un incidente diplomatico con alcuni turisti francesi, era rimasto senza impiego. I due riuscirono a ottenere una concessione per lavorare nella Valle dei Re solo nel 1917 e passarono anni senza soddisfazioni… fino al 4 novembre 1922 e a quegli scalini che condussero alla più grande scoperta archeologica del XX secolo. La vera portata dell’evento, però, fu chiara solo il 26 novembre quando Carter, aprendo un piccolo varco nella seconda porta sigillata, esclamò la celeberrima frase: «Yes, it is wonderful». Parole diffuse al mondo per la prima volta il 30 novembre dal giornalista Arthur Merton sulle pagine del Times a cui Lord Carnarvon poi venderà, il 9 gennaio, l’esclusiva per 5000 sterline e il 75% di tutti i profitti derivanti dalla vendita degli articoli all’estero. Il resto della stampa era costretto a pubblicare quasi sempre notizie di seconda mano e lo stesso governo egiziano si ritrovò nella paradossale situazione di leggere su quotidiani stranieri ciò che accadeva sul proprio territorio nazionale. Come anticipato, Tutankhamon si rivelò un vero business da subito e gli altri giornali fecero di tutto per spartirsi la torta dei guadagni, come raccontare misteriosi avvenimenti accaduti ai membri della missione archeologica. Ad esempio, quando la maledizione non aveva ancora mietuto alcuna “vittima”, il New York Times riportava che, il giorno dell’apertura della tomba, il canarino di Carter era stato inghiottito da un cobra reale (qui l’articolo del 22 dicembre 1922). Non è chiaro se a raccontare questa storia sia stato James Henry Breasted, che aveva anch’egli lavorato alla KV62, ma è sicuro che un altro egittologo, Arthur Weigall, l’abbia interpretata come un presagio nefasto. Senza ammetterlo direttamente, insinuando il dubbio come fanno oggi alcune trasmissioni televisive, scrisse che si trattava di una strana coincidenza, soprattutto se riportata al fatto che Meretseger, la dea protettrice della Valle dei Re, aveva proprio le fattezze del rettile. Purtroppo, la cosa diede una certa credibilità a tutti gli eventi sovrannaturali seguenti proprio perché confermata da uno studioso del campo; ma pochi sanno che Weigall era stato assunto dal Daily Mail come corrispondente a Luxor per seguire le fasi dello scavo. Evidentemente, in questo caso, il professionista aveva anteposto il denaro alla deontologia.

Era solo la prima avvisaglia che esplose in una serie di titoli sensazionalistici (come quello in foto del Detroit News del 6 aprile) dopo la morte di Lord Carnarvon avvenuta il 5 aprile 1923 a causa di una puntura d’insetto sul volto tagliata durante la rasatura della barba che portò a setticemia e a polmonite. Due settimane prima, quando il conte era già ricoverato in condizioni critiche in un ospedale del Cairo, la scrittrice Marie Corelli pubblicò una lettera sul magazine New York World :

«I cannot but think some risks are run by breaking into the last rest of a king in Egypt whose tomb is specially and solemnly guarded, and robbing him of his possessions. According to a rare book I possess … entitled The Egyptian History of the Pyramids [an ancient Arabic text]… the most dire punishment follows any rash intruder into a sealed tomb. The book names “secret poisons enclosed in boxes in such wise that those who touch them shall not know how they come to suffer”. That is why I ask, Was it a mosquito bite that has so seriously infected Lord Carnarvon?»

 

I giornali non aspettavano altro e rilanciarono il testo ovunque. Quando poi anche Arthur Conan Doyle si occupò dell’accaduto, fu lanciata ufficialmente la Maledizione del faraone. L’autore di Sherlock Holmes aveva già parlato della morte di un suo amico, il dottor Bertram Fletcher Robinson, secondo lui dovuta a qualche male che lo avrebbe colpito dopo aver compiuto degli studi su una mummia del British Museum. Così, intervistato da un giornalista del Times anche sulla dipartita del conte, aggiunse che poteva essere stata causata da una “maledizione” o comunque dall’intervento di qualche “spirito elementale” invocato a protezione della tomba dagli antichi sacerdoti. In tempi molto più recenti, alcuni hanno addirittura collegato questa morte con quella della contessa Vacca Augusta avvenuta nel 2001 nella Villa Altachiara di Portofino, fatta costruire nel 1874 per Carnarvon e quindi considerata maledetta… Tornando a noi, poco contava che Doyle si guadagnasse da vivere inventando storie fantastiche (fra l’altro, in “Lot n°249” del 1892, scrisse proprio di una mummia che si risveglia a Oxford dopo la lettura di una formula magica su un papiro); titoli con “The Curse of King Tut” cominciarono a vedersi associati a sempre più numerose scomparse o fatti misteriosi: improvvisi blackout al Cairo e a Londra, una macchia scura sulla guancia della mummia di Tut nello stesso punto in cui Carnarvon era stato punto, la morte del cane del conte e la scoperta di maledizioni legate ad Anubi. Secondo i quotidiani dell’epoca, “La morte scenderà su agili ali per colui che profanerà la tomba del faraone”, o varianti simili, sarebbe stato il testo inciso su una delle porte sigillate che avrebbe spinto gli operai a mettere in guardia Carter. Tralasciando il fatto che dubito che i locali sapessero leggere l’arabo, figuriamoci il geroglifico, non esiste alcuna iscrizione del genere nella tomba di Tutankhamon. Per rendersene conto, basta vedere le foto originali di Harry Burton.

Sebbene esistessero rare formule d’esecrazione nei confronti dei profanatori di tombe, leggende nate attorno a questo tipo di maledizioni nacquero ben prima della decifrazione della lingua egiziana da parte di Champollion e quindi della possibilità di leggerne il contenuto. Forme di superstizione legate ai luoghi di sepoltura sono esistite fin dall’antichità non solo in Egitto e si sono evolute nei racconti del terrore della, per certi versi macabra, epoca vittoriana e nei primi film horror con la nascita del cinema. “La mummia” del 1932 con Boris Karloff sfruttò il clamore che ancora non si era spento dieci anni dopo la scoperta di Carter, ma ancor prima erano stati girati “Die Augen der Mumie Ma” nel 1918 e il cortometraggio Cléopâtre” addirittura nel 1899. Quindi, la Maledizione di Tutankhamon è nata da un background di credenze già esistenti e non dalla conoscenza degli antichi testi egizi.

Il fattore sovrannaturale che colpì maggiormente il pubblico fu la lunga serie di morti inspiegabili tra le persone che, per un verso o per l’altro, avevano avuto un ruolo nella scoperta. Malattie, avvelenamenti, omicidi, incidenti erano riportati quotidianamente fino a superare le 20 scomparse dal 1923 al 1935, come quella del coautore con Carter della prima pubblicazione, Arthur Cruttenden Mace, o il curatore della collezione egizia del Louvre, Georges Aaron Bénédite, entrambi deceduti nel 1926. Gli scettici più frettolosi hanno provato a giustificare queste dipartite con l’istoplasmosi, cioè l’infezione polmonare provocata dall’inalazione di spore velenose contenute nel guano dei pipistrelli. Infatti, un tale pericolo è concreto per chi lavora in  ambienti sotterranei, ma la tomba era sigillata e non presentava resti di volatili. Allora come spiegare questo concatenamento di morti? Più semplicemente, basta scorrere la lista delle vittime della maledizione e fare un paio di calcoli. Qualcuno ci ha pensato prima di me. Ad esempio, Mark Nelson, in un articolo pubblicato nel 2002 sul British Medical Journal, ha evidenziato che tra i 25 europei presenti all’ingresso nella tomba, all’apertura del sarcofago o all’autopsia della mummia, l’età media di morte supera i 70 anni dopo un ventennio circa dal “contatto”. Carter, primo indiziato per un’eventuale vendetta del faraone, morì a 65 anni nel 1935; Lady Evelyn, figlia del conte, arrivò al 1980; Richard Adamson, capo sicurezza della spedizione, addirittura al 1982. Appare evidente, quindi, che si trattasse solo di trovate pubblicitarie, di espedienti degli editori per far vendere più copie in mancanza di notizie vere monopolizzate dal Times. Ma i giornalisti non si fermarono alla fantasiosa interpretazione esoterica di morti vere; spesso, inventarono quelle di personaggi mai esistiti o scrissero “coccodrilli” per uomini vivi e vegeti. Avranno fatto gli scongiuri, ad esempio, il chimico forense Alfred Lucas e l’anatomista Douglas Derry, fatti fuori da diversi pennivendoli, compreso Weigall, subito dopo la loro partecipazione all’autopsia dell’11 novembre 1925 e che, invece, vissero rispettivamente fino a 78 (1945) e 87 anni (1969).

 

Categorie: bufale eGGizie | Tag: , , , , , , , | 6 commenti

Blog su WordPress.com.