Articoli con tag: Northampton Borough Council

Il Museo di Northampton verso la riapertura grazie ai soldi della vendita della statua di Sekhemka

sekhemka-afp

Source: AFP

Non si è ancora spenta la polemica nata attorno alla vendita per 4 milioni di sterline della testa di Tutankhamon, che si torna a parlare di un altro caso controverso legato all’Egitto e a Christie’s. Nel 2014 il Northampton Museum and Art Gallery, gestito dal Northampton Borough Council (il locale distretto amministrativo), aveva piazzato attraverso la casa d’aste un proprio bene per ricavare fondi da investire nel restauro e nell’ampliamento della struttura museale. Il reperto in questione è un gruppo scultoreo in calcare di V dinastia, l’ormai celebre statua di Sekhemka (foto in alto), che raggiunse la cifra record di 14 milioni di sterline, 17.645.576 € (15,762,500 £ in totale con le spese accessorie). Anche il quel caso, il governo egiziano si oppose e ci furono perfino tentativi da parte delle autorità britanniche di bloccare l’esportazione della scultura, ma la cessione all’ancora anonimo acquirente straniero venne comunque approvata.

Il museo ha ottenuto in questo modo 7,7 milioni di sterline (il 55% del totale; il resto è andato all’erede del Marchese di Nothampton che aveva donato la statua nel 1880), ma, al tempo stesso, è stato rimosso dall’Arts Council England dal sistema di accreditamento che stabilisce le norme concordate a livello nazionale per i centri espositivi britannici. In parole povere, avendo venduto per scopi di lucro un proprio reperto, il Consiglio ha perso tutta una serie di finanziamenti che ammontavano fino a 800.000 £ all’anno.

L’edificio è stato chiuso al pubblico nel 2017, ma i lavori sono iniziati solo alla fine del 2018 a causa della presenza di amianto nelle strutture. Il cantiere dovrebbe così concludersi nel 2020 con gli spazi raddoppiati e una nuova galleria dedicata alla storia della città come centro produttivo della calzatura (immagine in basso).

Jonathan Nunn, diventato capo del Consiglio dopo i fatti, in una recente intervista alla BBC ha cercato di redimere agli occhi dell’opinione pubblica l’immagine dell’istituzione che rappresenta: “Giusta o sbagliata che sia [la vendita], lasciamo che la gente si goda i soldi che ne sono derivati”. Nunn ha aggiunto che il Consiglio si sta impegnando per far sì che Nothampton sia considerato un luogo artistico e culturale responsabile e per fornire alla popolazione locale un servizio sempre migliore. Parole che, tenuto conto di ciò che è successo, personalmente trovo stridenti con la definizione di museo dell’ICOM:

“Il museo è un’istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società, e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che effettua ricerche sulle testimonianze materiali ed immateriali dell’uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, e le comunica e specificatamente le espone per scopi di studio, educazione e diletto”.

_107904404_img_0873

Source: BBC

Annunci
Categorie: traffico di antichità | Tag: , , | Lascia un commento

CASO SEKHEMKA: il Consiglio di Northampton farà ricorso

in-christiesDopo la decisione dell’Arts Council England di rimuovere i musei di Northampton dal sistema nazionale di accreditamento, il Consiglio comunale cittadino, per voce del presidente David Mackintosh, si è detto stupito e deluso da un provvedimento definito “imbarazzante”. Il Primo Consigliere è convinto che la vendita della statua di Sekhemka sia stata del tutto legale e legittima, per questo ha annunciato che si sta considerando con gli avvocati dell’istituzione la possibilità di ricorrere in appello.

Mackintosh ha rassicurato la cittadinanza che, in ogni caso, i musei di Northampton non ridurranno l’offerta culturale perché i circa 8 milioni di sterline guadagnati dall’asta verranno impiegati anche per attrarre finanziamenti da altri soggetti privati. Inoltre, ha aggiunto che l’aiuto monetario fornito dall’ACE non era poi così fondamentale fornendo solo contributi una tantum a singoli progetti.

http://www.northamptonchron.co.uk/news/local/sekhemka-cash-will-allow-northampton-to-attract-alternative-funding-says-council-leader-1-6215312

 

Categorie: mostre/musei | Tag: , , , | Lascia un commento

Puniti i musei di Northampton dopo la vendita della statua di Sekhemka

1558377_10152572890275406_8597909460703230764_nErano stati avvertiti. Dopo lo scalpore mondiale provocato dalla vendita milionaria della statua di Sekhemka, i musei di Northampton sono stati puniti.  L’Arts Council England ha rimosso i due musei gestiti dal Northampton Borough Council, il Northampton Museum and Art Gallery e l’Abington Park Museum, dal sistema di accreditamento che stabilisce le norme concordate a livello nazionale per i centri espositivi britannici. L’esclusione avrà una durata di almeno 5 anni, fino all’agosto del 2019. Avendo venduto per scopi di lucro un proprio reperto, il Consiglio perderà tutta una serie di finanziamenti che ammontavano fino a 800.000 sterline l’anno.

Nonostante ciò, il nuovo proprietario della statua (che ha voluto mantenere l’anonimato) non ha nulla da temere; il risultato dell’asta rimane valido.

Si spera che il provvedimento funga da monito per altre istituzioni intenzionate a seguire il fruttuoso esempio di Northampton, ma sorge una preoccupazione. Non rientrando più nell’Accreditation Scheme, il Consiglio cittadino potrebbe essere molto più autonomo nella gestione dei propri beni e avere campo libero nella vendita di altre opere d’arte. Beh, spero solo che i 7,7 milioni di sterline (il 55% della somma raggiunta nell’asta di Christie’s) siano bastati a “sfamarli”.

http://www.bbc.com/news/uk-england-northamptonshire-28602849

Categorie: mostre/musei | Tag: , , , , , | 1 commento

Blog su WordPress.com.