Articoli con tag: tempio funerario

Individuato il tempio funerario di Thutmosi I

Im

Source: scienceinpoland.pap.pl

Da un paio di giorni sta circolando l’interessante notizia di una scoperta che, in realtà, ha già qualche anno. Infatti, lo studio preliminare risale al 2009-2010 e la pubblicazione originaria al 2012 (link in fondo al post), quando il blog ancora non esisteva nemmeno nella mia mente; quindi ne parlo volentieri lo stesso.

Si tratta dell’individuazione, da parte dell’egittologa polacca Jadwiga Iwaszczuk, del tempio funerario di Thutmosi I (1504-1492), fino a quel momento noto solo da fonti scritte che arrivano al regno di Ramesse IX. La scoperta è avvenuta casualmente quando la Iwaszczuk – insieme agli altri membri del team diretto da Zbigniew Szafrański che lavora al tempio di Hatshepsut a Deir el-Bahari – ha visionato una serie di frammenti di blocchi di pietra immagazzinati dallo SCA nella tomba tebana MMA 828 a Qurna, proprio a due passi dalla casa della missione polacca. I reperti in questione sono circa 8000 piccoli pezzi con rilievi policromi, provenienti da un edificio religioso scavato negli anni ’70 da archeologi egiziani a nord del Tempio dei Milioni di Anni di Thutmosi III. Il santuario, di cui oggi si vede solo una base di colonna (foto in basso), era stato erroneamente identificato con il Kha-akhet di Hatshepsut e, invece, sarebbe il tempio funerario del padre, comunque almeno terminato dalla regina. Il riconoscimento è stato possibile per la presenza del nome del tempio, Khenemet-ankh, sula porzione di un architrave (foto in alto). Numerosi sono i frammenti architettonici appartenenti a colonne, pilastri, architravi, stipiti e cornici, tutti nella più resistente arenaria, mentre in calcare erano realizzate le pareti non portanti. Per quanto riguarda la decorazione, invece, spicca quella che sarebbe la prima scena di battaglia con carri da guerra.

http://www.pcma.uw.edu.pl/fileadmin/pam/PAM_2009_XXI/PAM21_Iwaszczuk_Jadwiga.pdf

Immagine

Source: scienceinpoland.pap.pl

Annunci
Categorie: scoperte | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Scoperto tratto della rampa processionale della Grande Piramide

947

Source: en.albawabhnews.com/49519

Notizia da prendere con le molle perché ancora non confermata da fonti ufficiali, ma, da un paio di giorni, i media egiziani (primo tra tutti, gate.ahram.org.eg) stanno diffondendo immagini di quella che sarebbe una grande scoperta: un tratto della rampa processionale che collegava il tempio funerario di Cheope, alla base della Grande Piramide, e il tempio a valle.

Siamo abituati a vedere belle cartoline della piana con le tre piramidi che si stagliano sul deserto, ma basterebbe girare la testa dall’altra parte per accorgersi che lo sviluppo urbano incontrollato del Cairo sfiora ormai l’area archeologica. Proprio per questo, il tempio a valle e gran parte della rampa sono spariti, inghiottiti dal moderno villaggio di Nazlet es-Simman (vedi in basso) in cui vivono circa 70.000 persone. Sarebbe stato proprio uno degli abitanti ad effettuare la scoperta, scavando illegalmente un pozzo di 10 metri sotto la sua abitazione che ha incrociato il corridoio composto da grandi blocchi di calcare. Dalle foto, si vedono il tunnel e la vicinanza dello scavo alla Piramide di Cheope, oltre al comitato di esperti, tra cui Kamal Wahid, direttore generale delle Antichità di Giza, accorsi a controllare.

greatpyramid4-7

Source: touregypt.net

Non sarebbe il primo ritrovamento del genere perché, alla fine degli anni ’80, durante l’istallazione di una fogna, vennero fuori blocchi di calcare, mattoni crudi e una pavimentazione in basalto che Zahi Hawass interpretò come parte del tempio a valle e la continuazione della rampa, la cui lunghezza è stimata tra gli 810 e 825 metri. Però, nessuna campagna di scavo venne organizzata e non se ne seppe più niente.

Ora, aspetto ulteriori dettagli, quindi… stay tuned!

 

Categorie: scoperte | Tag: , , , , , , | 3 commenti

Blog su WordPress.com.