Articoli con tag: World Heritage List

L’Egitto chiederà l’inserimento di tre nuovi siti nella lista UNESCO

2016-635926032546592090-659

Colonna di Pompeo, Alessandria (source: AhramOnline)

Il ministro El-Damaty ha annunciato che l’Egitto chiederà all’UNESCO di includere tre nuovi gruppi di siti nella World Heritage List: l’antica città di Alessandria, i templi tolemaici e le cittadelle islamiche di Qalat al-Gundi, nel centro del Sinai, e dell’Isola del Faraone, Golfo di Aqaba. In particolare, è stato istituito un comitato permanente che, in collaborazione con Ministero delle Antichità, governatorato di Alessandria e Bibliotheca Alexandrina, si occuperà di redigere la documentazione relativa ai luoghi della città mediterranea da tutelare: le catacombe di Kom el-Shoqafa, il teatro romano di Kom el-Dikka, la cosiddetta “Colonna di Pompeo” (foto in alto), i resti urbani sommersi nel mare, la cisterna di Ibn Al-Nabih e le Torri di Alessandria.

In realtà, l’Egitto aveva proposto Alessandria già nel 2003 e l’Isola del Faraone, prima da sola nel 1994, poi in coppia con l’altra fortezza nel 2003. Attualmente, la lista dei Patrimoni dell’umanità presenta sette siti egiziani: Abu Mena (1979); l’antica Tebe con la sua necropoli (1979); Il Cairo storica (1979); Menfi e la sua necropoli – la piana delle Piramidi da Giza a Dahshur (1979); i Monumenti Nubiani da Abu Simbel a Philae (1979); il Monastero di Santa Caterina (2002); Wadi al-Hitan, la “Valle delle balene” (2005).

synotripPUNTOcom

Il teatro romano di Kom el-Dikka (source: synotrip.com)

egypt

Catacombe di Kom el-Shoqafa (source: arounddeglobe.com)

sunken_civilizations_cleopatra_kingdom_egypt

Resti dell’antica città di Alessandria sommersi nel Mediterraneo (source: moco-choco.com)

 

800px-Aqaba_Castle

L’Isola del Faraone (source: pl.wikipedia.org)

Categorie: siti archeologici | Tag: , , , , , | 1 commento

El-Damaty chiede all’UNESCO di aggiungere altri siti egiziani alla “Lista dei Patrimoni dell’Umanità”

Serabit_el-Chadim_020

Source: commons.wikimedia.org

Durante una conferenza internazionale sui musei egiziani organizzata dall’UNESCO a Parigi, il Ministro delle Antichità, Mamdouh El-Damaty, ha chiesto ufficialmente l’inserimento di altri siti del suo paese nella “Lista dei Patrimoni dell’Umanità”. Al momento, la lista include 7 siti egiziani: Abu Mena, l’antica Tebe e la sua necropoli, la Vecchia Cairo, Menfi e la sua necropoli da Giza a Dashur, i monumenti nubiani da Abu Simbel a File, il monastero di Santa Caterina nel Sinai e la “Valle delle Balene” (Wadi el-Hitan); 32, invece, fanno parte di quella provvisoria dei luoghi proposti da ogni stato. A questi, El-Damaty vorrebbe aggiungere il Tempio di Hathor di Serabit el-Khadim (Sinai, XII din., vedi immagine), il Parco nazionale di Ras Muhammad (riserva marina a Sharm el-Sheikh) e i monasteri copti del Deserto Arabo e dello Wadi el-Natrun.

Intanto, dopo 16 anni di restauro, domani riaprirà proprio uno dei monumenti protetti dall’UNESCO: la “Chiesa Sospesa” della Vecchia Cairo, il più famoso santuario copto del mondo e uno dei più antichi centri cristiani in Egitto (III sec. d.C.).

Categorie: siti archeologici | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.