Torna in esposizione la maschera restaurata di Tutankhamon

4975

Source: theguardian.com

Finalmente, dopo un restauro di 8 settimane, la maschera d’oro di Tutankhamon è tornata oggi in esposizione nella sua teca presso il Museo Egizio del Cairo. Poche ore fa, infatti, il ministro El-Damaty ha presentato a giornalisti di tutto il mondo il lavoro svolto da Christian Eckmann, esperto nel trattamento del vetro e dei metalli del Römisch-Germanisches Zentralmuseum di Mainz, che ha rimediato ai danni causati nell’agosto 2014 dall’ormai famoso intervento con la resina epossidica. Il ripristino dello stato originale di barba e mento, finanziato con 50.000 euro dal governo tedesco, ha visto, nella fase più delicata, proprio la rimozione della crosta di materiale legante in eccesso, oltre ai residui dell’incollatura del 1946 (prima, infatti, la maschera era esposta con la barba staccata), effettuata senza agenti chimici e solo tramite spatole di legno e un leggero riscaldamento della colla. Durante le operazioni, è stato scoperto il sistema originale di fissaggio consistente in un tubo interno d’oro e uno strato di cera d’api che è stata riutilizzata da Eckmann. Il risultato? A giudicare dalle immagini, Tut mi sembra in gran forma!

12360124_915316591856653_7769250523212450936_n

Il tubo interno scoperto durante il restauro (ph. Noor Mostafa)

beard

Lo stato della barba prima e dopo il restauro (Source: middleeasteye.net)

Annunci
Categorie: restauro | Tag: , , , | 5 commenti

Navigazione articolo

5 pensieri su “Torna in esposizione la maschera restaurata di Tutankhamon

  1. Meno male. Avevo letto che il danno era praticamente irreparabile. Sospiro di sollievo.

    • Oltre al problema della colla in eccesso, c’erano state anche abrasioni provocate nel tentativo di rimuoverla, ma di queste non è stato detto niente.

  2. Giuseppe

    Come preannunciato, sull'”altro” forum di egittologia ho linkato questo articolo accompagnato dal seguente testo:
    “…di certo ricorderete che tempo addietro un maldestro inserviente, o almeno così venne detto, staccò la barba al povero Tut, o meglio, alla sua maschera provvedendo poi ad incollarla come si sarebbe fatto con un qualsiasi vasetto della nonna caduto accidentalmente.
    Ebbene, dopo essersi accomodato sulla poltrona del barbiere…pardon, del restauratore, per varie settimane, ora la barba è stata correttamente restaurata e riattaccata come prima. Il blog di Mattia Mancini, sempre attento alle novità, ne ha dato comunicazione ieri sera con riferimento alla conferenza stampa con cui il Ministro el-Dahamati ha comunicato al mondo l’importante operazione e restituzione al pubblico. “

  3. Pingback: Un anno (il 2°) di DJED MEDU: le notizie più importanti del 2015 | DJED MEDU

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: